Pensieri scritti a mano

Marzo 2020

Il Retto Pensiero, la Retta Parola, la Retta Azione
Il Retto Pensiero nasce dalle profondità dello Spirito che incontra quelle dell’Anima.
Il Retto pensiero come aria pura, come spazio terso attraversa le Menti e va nel Mondo.
La Retta Parola lo conferma.
Come Lama di Spada che Illumina il Mondo toccando il Cuore e le Menti degli Uomini che la odono nascere in sé e che da essa sono attraversati mentre la riversano nel Mondo.
La Retta Azione.
Incide come Passo nel separare il Passato dal Futuro, portando con sé il Chiarore e la Forza dell’Uomo.
In essa l’Uomo conferma in sé la Voce del Divino che lo abita.
Incide il Suo nome nella Terra.
Questi sono i semi che ho visto germogliare.
Pronti a essere accolti in questo Marzo che sostiene la loro Germinazione e Fioritura.

Febbraio 2020

Amo profondamente il mio lavoro.
Esso è lo sguardo oltre il primo strato di terra.
Sguardo che si fa sguardo dell’altro.
È l’andare sempre più in profondità dove, nel seme che incontri, cogli la spinta del suo radicare nelle sue stesse fondamenta, gemmare e dare frutto: il suo voler divenire, attraversandola, meta del suo Sé.
Seme che si fa sguardo e vita.
Buon mese di Febbraio 2020: Spazio Sacro dove i colori della vita iniziano a riverberare.

Anno 2020

Nel nuovo Anno
Sì, che sia Armonia.
Starci dentro.
Respirarla.
Percorrerla.
Raggiungerla.
Farsi condurre.
Come camminare in un raggio di sole.
Che sia Armonia ogni respiro, ogni incontro, ogni parola.
Ogni sguardo la susciti.
Ogni sguardo la doni.
Ogni tocco.
Ogni gesto.
Ogni suono della natura.
In ogni soffio di vento che la porta.
In ogni nascita.
In ogni saluto.
Che i nostri occhi la incontrino nel volto di ogni cosa.
E davanti allo specchio.
Armonia.

Tra Dicembre 2019 e Gennaio 2020

Sentirsi un puntino dentro al mondo.
Un puntino tra i puntini.
Ma poter Fare, poter Amare, poter Essere.
Un puntino che germoglia.
Un seme che si apre.

E musica, colore e carezza per il mondo
corrono tra le innervature dei petali.
E il suono si riversa.
Una Campanula Bianca accolta dal profumo del Calicantus.

Visione e profumo si intrecciano,
partorendo il Nuovo Anno con i suoi 12 semi.
Gennaio titubante si appresta a giungere.
Cosa mai farò in questo nuovo anno?
È la sua domanda.
Piccoli passi perché si è sulla strada che parla di Febbraio,
verso Marzo e i suoi soffi di nuovi profumi, di vita nuova,
per un Aprile che zampilla dorato nell’espressione di sé,
entrando in un Maggio che accoglie materno,
per un Giugno che serio costruisce
un Luglio che sa il fatto suo,
verso un Agosto che si sente Sole,
per tornare a sé in un Settembre,
verso le costruzioni dell’anima
di un Ottobre che riparte fiducioso
in un Novembre che sa cosa è vero:
un Dicembre nella pienezza di chi vive la giusta via di sé.

Puntini sostenuti da questa strada, lungo un anno che sarà la nostra casa.
La Casa del Tempo della Realizzazione.
In un Natale e in un’Epifania che ogni giorno stanno a casa mia.
Ma poi riprende, ancora, nel formarsi delle frasi dalle parole:
il flusso del tempo, il flusso della vita che scorre nel tempo.
E, allora, noi siamo quell’anno.
In noi i 12 passi.
Ricchi del Tempo dell’Anno.
Noi: la strada.
E, in essa, nuovi semi, il germogliare, i raccolti, le perdite, i soli che fanno crescere ma anche le piogge e le nevi. E i venti che spazzano.
E la visione si fa chiara.
Nessuna differenza, nessuna diversità. Stessa evoluzione.
Noi, l’Anno e i suoi mesi. E la Terra.
Benvenuto 2020!!!

2019

Dicembre 2019

Tornare a casa.
Bisogno di tornare a casa.
Bisogno di risentirsi anima, di essere attraversati dall’anima. E portare la sua essenza nelle cose del mondo.
Calarla nelle cose del mondo.
Dare un senso a questo Dicembre sempre più orientato verso la sua vera essenza:
Accompagnarci alla Nascita dell’Anima che Risplende nel quotidiano.
Cellula dopo cellula, suono dopo suono, gesto, dopo gesto: Imprimere dell’Anima il Mondo.
Affinché sempre più sia un mondo degno di essere vissuto dall’Anima.
Grazie, Dicembre, che raccogli in te il suo vissuto e come padre lo fecondi, ancora una volta, di Luminosi Semi Nuovi.

Novembre 2019

C’è bisogno di tornare a casa e riassaporare le forze che ci porteranno poi, fuori, nel mondo.
Osservo questo Novembre silenzioso come un campo nella bruma che attende.
Un campo dove camminare lenti, lasciandoci andare al suo silenzio per ritrovare le cose buone perdute.
Passi lenti dove ritrovare la forza che possa nuovamente scorrere riunendo ciò che è stato strappato.
Passi veri, via via nell’incedere, profondamente sentiti.
Passi che poggino nella bellezza a noi sconosciuta che portiamo, nella bellezza che siamo.
Nel campo, ritrovare il bisogno di condivisione vera.
Oltre il suo limitare, l’Unione.
Passi veri.
Volti veri.
Incontri veri.
Azioni vere.
In questo Presente.
Che è solo un Passo verso il Futuro.

Ottobre 2019

Quale Dono meraviglioso è l’Amore!?!
Lo vedo volare sulla terra.
Appoggiarsi, entrare, scorrere in essa.
Come l’Amato che non riesce a stare, a essere lontano, separato dall’Amata.
L’Amore ha bisogno dell’Uomo per poter Vivere, per poter Esistere, per poter Essere.
L’Amore.
Luce di Dio che incontra e attraversa il corpo dell’Uomo.
Amore che si fa carne.
Luce che Illumina la carne.

Amore di Dio > Uomo.
Nell’Interdipendenza per l’Esistenza.
E noi, che pensiamo sia roba nostra, che al massimo ci viene ispirata da un altro essere nostro pari, o da un essere della nostra stessa specie: lo egoicizziamo (se si può dire), lo imbrigliamo.
Gli togliamo la sua libertà di Essere.
Essere che scorre in noi.
Essere che ci dà forma e vita.
Essere che ci rende Forma e Vita Divine.
L’Amore.